L'inizio del culto dei SS. Medici a Monteparano

Il culto dei santi Medici Cosma e Damiano nella nostra Comunità, secondo quanto risulta da alcune testimonianze raccolte tra i nostri anziani, è iniziato in modo solenne il 27 settembre 1946. Le due statue dei santi Cosma e Damiano, che oggi troneggiano nella cappella laterale sx della Chiesa parrocchiale , hanno una storia di fondamentale importanza per la diffusione del culto riservato ai Santi. Furono commissionate a dei maestri scultori di Ortisei di Val Gardena, la ditta “Insam et Prinoth” alla fine del 1945 dal Comitato cittadino capeggiato da Angelo Sinisi, detto “Mestr’Angiulino”. Perché Angelo Sinisi? Alla fine del 1944 il nostro Angelo fu chiamato dallo zio don Cosimo Moscatelli (Bunarieddu), arciprete di Monteparano, a costruire in chiesa il tradizionale presepe. Poiché Angelo di giorno faceva il falegname, poteva dedicarsi alla costruzione del presepe solo di sera. L’annata era gelida, ma Angelo mantenne l’impegno con don Cosimo e anche se al freddo costruì con la solita maestria il “presepe grande”. Angelo per il freddo si ammalò di polmonite, che mal curata per i mezzi dell’epoca, sfociò in pleurite. Malattia da cui il nostro Angelo non riuscì mai più a guarire del tutto. Nella primavera del 1945 le condizioni di salute di mestr’Angelo si aggravarono a tal punto che entrò in coma. I familiari disperati cominciarono ad organizzarsi per il peggio. Fu chiamato anche don Cosimo per l’estrema unzione. La suocera Peppina Fina, portò una immagine dei santi Medici e la sera, come era usanza un po’ in tutte le famiglie,  fece un piccolo altarino e con i vicini di casa  recitava il Santo Rosario e rivolgevano  preghiere particolari ai santi Medici, chiedendo la loro intercessione presso il Signore per la guarigione del genero. Una notte Lucietta sentì fermarsi una carrozza davanti casa e bussare alla porta. Dal finestrino-spioncino guardò fuori e vide due giovani che chiesero di entrare per visitare il malato. Peppina aprì la porta, ma non voleva far entrare i due ragazzi perché il genero era in coma, ma sembrava riposasse sereno. I giovani insistettero e la nostra Peppina li fece entrare. Allora porte ce n’erano poche nelle case e gli ambienti erano separati da tende. I due giovani si avvicinarono al letto, alzarono le lenzuola, toccarono il malato,e rivolti alla nonna dissero di non avere timore che sarebbe stato meglio. Salutarono e andarono via. Nonna Peppina (raccontano i nipoti) garantiva di averli visti, che era sveglia e non era un sogno. Che addirittura aveva chiesto ai due giovani chi fossero e la risposta fu: siamo Cosimo e Damiano. La mattina seguente, Lucietta, moglie di mestr’Angelo, di buon mattino si sente chiamare da una voce flebile. Si affaccia alla stanza da letto e vede il marito seduto sul letto che le chiede da bere. Era madido di sudore, come se fosse uscito in quel momento da una vasca da bagno. La moglie premurosa gli porta da bere chiedendogli come si sentisse. Angelo rispose che era spossato ma si sentiva meglio, e chiese alla moglie chi fossero  i due giovani ai piedi del letto che gli avevano ordinato di alzarsi. Lucietta pensò che stesse delirando e chiamò don Ciccio Pazienza per verificare lo stato di salute del marito. Don Ciccio stesso non seppe darsi spiegazione alcuna, ma si felicitò per l’ improvviso miglioramento dello stato di salute di mestr’Angelo, tanto da sembrargli una miracolosa guarigione. Angelo riprese pian piano la sua normale vita di tutti i giorni, lavorando e glorificando il Signore. Aveva in animo però di ringraziare i giovani che aveva visto vicino al letto, e col contributo della cittadinanza,  commissionò le statue che oggi veneriamo nella nostra Chiesa parrocchiale. Le statue arrivarono alla fine di agosto alla stazione ferroviaria di Grottaglie. Da Grottaglie a Monteparano furono trasportate su un traino accompagnate da devoti e dai Confratelli del Rosario. Arrivate le statue i Monteparanesi pensarono subito di organizzare dei solenni festeggiamenti. La 1^ festa costò 146.000 lire. La commissione era formata da Angelo Sinisi, Gaetano Principale (Marcovito), Paolo Principale, Peppino Renna , Salvatore Toma e Germano Vizzarro. L’illuminazione era di Vincenzo Memmola, il nonno del nostro illuminatore di quest’anno. In Piazza Castello, suonava la banda di Acquaviva delle Fonti. Per anni la festa è coincisa con la solennità liturgica che si celebra il 26 settembre. Poi la data è stata fissata alla prima settimana di giugno, vicino alla solennità dell’Ascensione, periodo in cui molti Monteparanesi andavano a piedi al santuario di San Cosimo alla Macchia.  Negli anni passati molti fedeli seguivano la processione portando lungo l’intero percorso dei grandi e pesanti ceri, camminando scalzi.